Sisma, al sicuro 350 opere d'arte

Interventi di messa in sicurezza ultimati su 350 opere delle 6 mila recuperate dopo il sisma del centro Italia e custodite nel deposito regionale di Santo Chiodo di Spoleto. A dirlo all'ANSA è la soprintendente ai Beni culturali dell'Umbria, Marica Mercalli. Che spiega come "il lavoro "sta andando avanti quotidianamente". "E' un'opera colossale - ha spiegato Mercalli - che necessita di tempo e risorse, anche in termini di personale". In tal senso la soprintendente ha annunciato che sarà avviato un nuovo cantiere didattico dell'Opificio delle pietre dure di Firenze e si è in attesa dell'attivazione di alcune borse di studio. "Ogni opera che viene salvata è un passo in avanti verso la normalità", ha sottolineato Mercalli che intanto pensa a un eventuale ritorno dei tesori del museo della Castellina di Norcia.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Polino

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...